Short URL: i 3 migliori strumenti per accorciare gli URL

da | Ago 27, 2020 | Web | 0 commenti

Capita spesso di avere la necessità di abbreviare l’URL di una pagina web. Nel mondo digitale sono infatti numerose le occasioni nelle quali un URL breve, o short URL, è più funzionale: sia in ottica di semplicità e pulizia dei contenuti che in termini di recupero spazio specialmente nell’ambito dei social media dove accorciare URL lunghi può rivelarsi incredibilmente utile.

Esistono numerosi servizi in rete che ti consentono di ottenere short URL in maniera intuitiva e gratuita, per inserirli poi facilmente nei tuoi contenuti web. Ecco la classifica dei tre migliori URL shorteners: i più affidabili, popolari ed efficaci per abbreviare i tuoi URL.

Abbreviazione degli URL: cos’è uno short link o URL abbreviato?

La tecnica di accorciamento degli URL è ampiamente utilizzata ed incredibilmente utile: permette infatti di trasformare lunghi indirizzi web in link di pochi caratteri, condensando in uno spazio ridotto tutte le informazioni necessarie perché l’utente che naviga possa, cliccando sullo short URL, raggiungere la pagina di destinazione desiderata.

Generalmente i link abbreviati trasformano i tradizionali URL dei siti web in link che riportano semplicemente il dominio dell’URL shortener seguito da una sequenza di caratteri alfanumerici.

A cosa servono gli URL shortener?

Gli URL shortener sono siti web che offrono il servizio di abbreviazione degli URL. La maggior parte dei servizi che permettono di creare short URL sono gratis e davvero facilissimi da utilizzare. Sono molteplici i vantaggi offerti dallo scegliere uno short URL al posto dell’originale indirizzo web composto da decine di caratteri.

Quali sono i motivi per i quali dovresti iniziare ad introdurre nella tua quotidianità l’uso di link abbreviati?

  • Innanzitutto i link accorciati sono più ordinati e regalano al testo in cui sono inseriti maggiore eleganza e chiarezza. Gli utenti sono più attratti da link corti e snelli che da lunghissime successioni di caratteri, slash, numeri e punti, e sono più propensi a cliccare su short URL ben strutturati.
  • In secondo luogo, gli short URL sono più semplici da condividere ed inoltrare: copiare e inviare un URL di centinaia di caratteri è certamente meno pratico che copiare un brevissimo link ed incollarlo all’interno dei tuoi post sui social network, nel corpo delle tue email o in un messaggio Whatsapp.
  • Quando si ha necessità di inserire URL all’interno di un’attività di social media marketing, la scelta di short URL appare spesso come l’unica possibile, soprattutto su social network come Twitter che hanno un numero molto limitato di caratteri disponibili. Ma anche utilizzando altri social che non presentano le stesse restrizioni di spazio, come ad esempio Facebook, l’inserimento di un link abbreviato risulta la scelta più raffinata e compatta per la condivisione di link a pagine web.
  • Molti URL shortener inoltre integrano interessanti funzioni di tracciamento  del click sui loro short URL. Consentono cioè la visualizzazione di dati analitici dettagliati relativi ad esempio al numero dei click eseguiti sul link, al browser utilizzato dagli utenti per navigare in rete, alla provenienza geografica dei click, al sistema operativo installato sul dispositivo di chi clicca sull’URL abbreviato ed altre informazioni decisamente interessanti. L’uso di link shortener è quindi una strategia particolarmente interessante all’interno di una campagna di marketing e permette di tracciare e monitorare efficacemente l’andamento della stessa.

Se ti stai domandando se in ottica SEO l’abbreviazione degli indirizzi web possa creare problemi, sappi che Google vede di buon occhio gli short URL. Gli URL shortener si avvalgono infatti del permanent redirect, ossia il codice redirect 301, la tipologia di reindirizzamento più apprezzata dai motori di ricerca. Nessuna rischio di penalizzazione è quindi dietro l’angolo se scegli di usare short URL.

strumenti per accorciare gli url

Come si fa ad accorciare un URL?

L’operazione per abbreviare un link lungo è incredibilmente semplice: è sufficiente infatti che tu acceda alla pagina web dell’URL shortener, inserisca in una casella di testo il link da accorciare e avvii quindi il processo di abbreviazione dell’URL.

Il tutto richiede pochi secondi, ed in un istante avrai a disposizione il tuo short URL da copiare ed incollare dove ti serve.

Accorciare url: i migliori servizi web con cui poter realizzare short URL

Come appena visto, il procedimento di accorciamento URL è facile, senza rischi e comporta anzi numerosi vantaggi. Ma quali sono i migliori URL shortener a disposizione ad oggi in rete?

Bitly

Tra servizi di abbreviazione URL più popolari al mondo c’è certamente Bitly. Per ottenere uno short URL con Bitly, è sufficiente collegarti al loro sito, inserire l’URL che desideri accorciare e premere il tasto Shorten ed in seguito il tasto Copy, per copiare il link ottenuto e renderlo pronto all’uso su ogni altra piattaforma. Non è richiesta nessuna registrazione per utilizzare il semplice servizio di URL shortening, ma è possibile creare un account su Bitly per accedere a funzionalità più complesse.

E’ possibile infatti attraverso Bitly accedere ad analytics dettagliati relativi ai click sul link, ed implementare monitoraggi estremamente utili per chiunque si trovi a gestire una strategia di digital marketing. Tra queste, l’opportunità di tenere traccia dello storico dei link generati nel tempo, di conoscere la quantità esatta di click che ogni link ha ricevuto ed i dettagli relativi agli utenti che hanno premuto sullo short URL (luogo geografico, browser, etc).  Esistono 3 piani Bitly tra cui scegliere: il piano Free, il piano Basic ed il piano Customised.

Già attivando il piano free è possibile accedere a molte funzionalità cruciali per il controllo di una campagna di web marketing, come la creazione di 1000 link al mese, il collegamento diretto con un account Twitter, l’integrazione di Bitly con altri marketing tools, la possibilità di inserire una personalizzazione sulla parte finale del link generato (ossia quella dopo bit.ly/…) o l’accesso alle metriche di performance.

Con un piano Basic, per 29$ al mese, si accede invece a maggiori opportunità: una più completa gestione dei dati, un numero più alto di link creabili (1500) e soprattutto la possibilità di creare Branded Links, ossia short URL con un dominio personalizzato, che al posto dell’iniziale bit.ly/1234 mostrino invece un dominio customizzato con un nome da te scelto.

Il piano Customized sblocca ovviamente tutta la potenza di Bitly e per poterlo utilizzare è necessario richiedere un preventivo personalizzato al team dell’azienda.

A Bitly si affidano molte aziende dalla fama internazionale, ed è tra le soluzioni più apprezzate sul web.

bitly short URL

TinyURL

Il secondo strumento per l’abbreviazione di URL che ti consigliamo di provare è Tinyurl.
Tiny URL è stato tra le prime società ad occuparsi di URL shortening: è attivo dal 2002 ed è ancora oggi uno dei servizi di accorciamento link più usato in rete.

L’interfaccia di TinyURL è rimasta abbastanza spartana e spoglia, ma il servizio svolge egregiamente la sua funzione. Consente infatti di creare nel giro di secondi un link abbreviato ed anche personalizzato. Ciò che TinyURL non offre sono invece dati analitici e monitoraggio dei click o altre simili features, ma ti dà la possibilità di aggiungere un’estensione nella toolbar del tuo browser, per avviare abbreviazioni di link direttamente dalla pagina web sulla quale stai navigando.

Per usare TinyURL non è necessaria una registrazione, bensì è sufficiente accedere all’home page della piattaforma ed inserire l’indirizzo web che vorresti accorciare nel campo di testo sotto la scritta Enter a long URL to make tiny e premere il pulsante Make TinyURL!.  Se hai bisogno di personalizzare la parte finale dello short URL, oltre ad inserire l’indirizzo da accorciare sotto Enter a long URL to make tiny – come appena visto – puoi anche digitale caratteri, numeri e trattini nel campo Custom alias (optional), per dare vita ad un URL che nel formato https://tinyurl.com/nomepersonalizzato.

Una volta completato il processo comparirà una pagina che conterrà il tuo short URL, pronto da copiare tramite il comando [Copy to clipboard] ed incollare dove preferisci. Puoi anche testare il link prima di utilizzarlo tramite il link [Open in new windows].

Un servizio rapido ed efficiente, che ha uno svantaggio: i link generati con TinyURL sono di solito più lunghi rispetto a quelli di altri servizi, semplicemente perché il dominio (https://tinyurl.com/…) è più lungo.

tinyurl short URL

Rebrandly

L’ultimo – ma non certo in ordine di importanza – servizio di generazione di short URL che ti suggeriamo di testare è Rebrandly. Il servizio offerto da Rebrandly è innovativo e all’avanguardia e la società è stata la prima ad offrire short URL completamente personalizzabili. Nata nel 2015, Rebrandly è ancora ad oggi il miglior link shortener per creare branded links: l’azienda con base in Irlanda ha voluto offrire ai suoi clienti, freelancers, grandi aziende o famosi brand, l’opportunità di personalizzare i loro link brevi per distinguersi dai competitor con un tocco di originalità.

I link abbreviati creati tramite Rebrandly possono infatti provenire da domini brandizzati di ogni tipologia, che si tratti del nome di un professionista o del brand di un’azienda. Con Rebrandly si possono ottenere quindi short URL come ad esempio ilmiobrand.it/portfolio, da condividere tramite ogni veicolo di comunicazione, per generare autorevolezza e incrementare la fiducia da parte di chi dovrà cliccarci.

Gli utenti sono infatti enormemente più spinti a cliccare su link brandizzati, i quali vantano un CTR decisamente più alto dei link brevi non brandizzati.

Rebrandly offre un piano free, che permette di usufruire di molte caratteristiche della piattaforma gratuitamente, come – per citarne qualcuna – la possibilità di dare vita a 500 Branded Link e di monitorare fino a 5.000 clicks ogni mese. Mette però anche a disposizione piani tariffari a pagamento che si dividono in:

  • Starter, a $29 /mese
  • Pro, a $69 /mese
  • Premium, $499 /mese
  • Enterprise, con prezzo personalizzato su richiesta

Al crescere del prezzo, crescono le funzionalità incluse nel piano come il numero di Branded Links creabili, i click tracciabili mensilmente, o il numero di utenti che possono avere accesso alla piattaforma.  È ovviamente possibile con Rebrandly creare report personalizzati dei dati analizzati, integrare il servizio con altri strumenti di marketing ed anche ottenere sconti nel caso la piattaforma sia usata per associazioni di volontariato, enti di istruzione e no profit.

Un servizio di accorciamento URL davvero completo.

rebrandly URL shortner

URL shortener relativi a piattaforme specifiche

Se ti è capitato di vedere short URL con domini differenti è per due motivi. Il primo è che sono davvero numerosi i siti che offrono i servizi di accorciamento link, alcuni sono affidabili altri assolutamente non performanti, ma compaiono in rete ogni giorno nuove piattaforme di URL shortening.

La seconda ragione è che alcuni siti web utilizzano URL shortener propri per l’abbreviazione automatica dei link. È il caso ad esempio del link shortener YouTu.be, interno a YouTube, o del servizio http://t.co interno al social Twitter.

Inoltre piattaforme di gestione dei social media come Hootsuite o Buffer hanno il loro servizio di abbreviazione link proprietario, ossia rispettivamente Ow.ly e Buff.ly, che danno vita in automatico a short URL quando si posta da questi gestionali.

E l’URL shortnener di Google, Goo.gl? È stato sostituito con i Firebase Dynamic Links (FDL) ossia un sistema di URL intelligenti con dinamiche di funzionamento differenti da quelle precedenti. Tutti i link creati in passato funzionano e funzioneranno in futuro, ma il servizio Goo.gl non è più a disposizione.

Short URL: hanno degli svantaggi?

Il principale contro nell’utilizzo di link abbreviati è che di fatto essi, nella maggior parte dei casi, oscurano il reale indirizzo di destinazione: ciò può creare a volte sfiducia da parte degli utenti, alimentata dal fatto che in passato URL abbreviati siano stati usati con scopi malevoli, per fare phishing o installare malware o virus nel computer dello sfortunato utente  che vi ha cliccato.

Alcuni URL shortener, in genere quelli meno solidi ed affidabili, non permettono un corretto passaggio di Link Juice, ossia dell’authority tra una pagina e l’altra, filtrandolo in modo poco proficuo e portando ad una mancata indicizzazione della pagina di destinazione del link abbreviato.

Scegliere un URL shortener autorevole ed affidabile per la creazione dei tuoi short URL è quindi fondamentale per garantirti un servizio di abbreviazione degli url eccellente.

Utilizzi già un servizio di accorciamento link? Qual è il tuo preferito?

Articoli correlati

Clubhouse: il nuovo social di cui tutti parlano

Clubhouse: il nuovo social di cui tutti parlano

Il mondo dei social network è sempre in fermento, non fai in tempo ad abituarti al TikTok del momento che una nuova azienda lancia sul mercato un servizio tutto nuovo dalle caratteristiche insolite e innovative. Hai già capito di cosa stiamo parlando vero? Ovviamente...

Come scegliere un nome dominio vincente?

Come scegliere un nome dominio vincente?

Vuoi creare un sito web, ma non hai idea di come chiamarlo, vero? Non preoccuparti, ti rassicuriamo subito dicendoti che è un dubbio piuttosto comune. La scelta del nome dominio è infatti una delle fasi più delicate nella creazione di un nuovo sito web e va...

Iubenda: a cosa serve e come funziona

Iubenda: a cosa serve e come funziona

Conosci Iubenda? Beh, se sei finito qui probabilmente si, ma forse vuoi capire meglio di cosa si tratta, giusto? Ottimo, perché in questo articolo ti spiegheremo in modo semplice a cosa serve e come funziona il loro servizio e quali sono i costi per utilizzarlo....

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!