Clubhouse: il nuovo social di cui tutti parlano

Pubblicato da Alessandro, il Febbraio 6, 2021

Il mondo dei social network è sempre in fermento, non fai in tempo ad abituarti al TikTok del momento che una nuova azienda lancia sul mercato un servizio tutto nuovo dalle caratteristiche insolite e innovative. Hai già capito di cosa stiamo parlando vero? Ovviamente di Clubhouse, il nuovo social network del quale tutti parlano e di cui tutti vogliono avere un invito.

Clubhouse: cos’è e come funziona

Questa nuova app ha caratteristiche ad oggi uniche nel suo genere. Non si postano qui infatti i soliti video di gattini o l’ultimo selfie in spiaggia dove mostri il fisico e dichiari al mondo che sei pronto per la prova costume. Tutto il contrario. Su Clubhouse non ci sono post, non ci sono immagini, né tantomeno video: tutto si basa sulla voce ed è qui che viene la parte interessante e si introducono elementi di rottura rispetto alla maggior parte degli attuali social network, che basano le loro interazioni principalmente su immagini e video.

Viene introdotto un elemento rivoluzionario che, a detta di molti, sarà il trend dei prossimi anni: focus su voce e audio.

All’interno dell’app Clubhouse vengono create delle stanze tematiche da parte di moderatori che gestiscono poi la “room” stessa: ogni stanza ha un tema specifico e tu, in qualità di utente, puoi reperire ed accedere alla stanza di tuo interesse tramite un apposito sistema di indicizzazione.

Come è strutturata l’applicazione

All’interno di Clubhouse esistono 3 tipologie di stanze differenti, con caratteristiche molto diverse tra loro:

  • Stanze open: sono aperte a tutti e vengono di fatto visualizzate da ogni utenti dell’applicazione.
  • Stanze social: vengono aperte da un utente, ma possono essere visualizzate solo se si è tra i contatti di chi crea la stanza stessa.
  • Stanze close: quest’ultima tipologia di stanza è privata ed è visibile solo al creatore della stanza e agli utenti che egli decide di invitare.

Ti stai chiedendo come funzionano le interazioni su Clubhouse? Dunque, il sistema è piuttosto semplice: se accedi ad una stanza pubblica entri a far parte della sua platea. Potrai ascoltare quello che i moderatori della stanza dicono, ma non potrai intervenire durante la discussione. Per prendere la parola dovrai alzare la mano (ovviamente virtualmente, tramite un’apposita icona): a quel punto i moderatori potranno decidere se darti la parola o meno. Nel primo caso potrai salire sul palco virtuale della stanza e iniziare ad interagire attivamente, nel secondo caso, resterai a far parte solamente della platea.

club house social network

Chi sono gli ideatori di questo nuovo social?

Clubhouse nasce dalle menti di due imprenditori non esattamente alle prime armi: parliamo di Paul Davison, noto businessman della Silicon Valley, e Rohan Seth, ex impiegato di una piccola start up tecnologica, chiamata Google.

Complici del suo successo sono anche personaggi del calibro di Elon Musk, che pochi giorni fa ha fatto il suo esordio sul social, ospite di una stanza creata da Marc Andreessen. L’evento in questione ha raccolto un’audience impressionante dal punto di vista mediatico e da lì a poco le stanze che seguivano l’evento in streaming si sono moltiplicate a macchia d’olio, raccogliendo una quantità incredibile di utenti.

Elon Musk non è però l’unico VIP ad aver contribuito al passaparola che ha travolto positivamente Clubhouse. I fondatori hanno infatti invitato a partecipare personaggi di fama internazionale come Drake e Oprah Winfrey i quali, oltre ad alimentare un hype incredibile, hanno davvero spinto in alto l’interesse del pubblico.

Come entrare in Clubhouse

Attualmente l’applicazione è ancora in fase beta: è infatti disponibile per iOS, ma non c’è ancora una versione per i dispositivi Android. Inoltre, puoi accedere a Clubhouse solo tramite invito di altri utenti. Non puoi ancora quindi accedere liberamente all’app, bensì devi aspettare che qualche parente, amico o collega ti inviti ufficialmente all’interno dell’universo Clubhouse.

Non è la prima volta che questa strategia di accesso viene messa in atto. Essa rappresenta a tutti gli effetti una vera e propria leva di marketing: l’accesso su invito crea nel pubblico un’idea di scarsità e suscita nei potenziali utenti il desiderio di partecipare a qualcosa di esclusivo e riservato. È una tattica che funziona piuttosto bene e non a caso viene riproposta da molte aziende, che senza dubbio sanno il fatto loro in termini di comunicazione.

Oltre alla componente commerciale è stata fornita dai creatori anche un’altra motivazione per l’accesso su invito che riguarda invece il lato tecnico: sono ancora poche infatti le persone che lavorano al progetto ed il livello di sviluppo dell’applicazione potrebbe non sopportare attualmente un’ampia quantità di utenti.

Esistono inoltre in Clubhouse naturali limiti e bug tecnici, tipici delle giovani applicazioni in fase di sviluppo: potrebbe ad esempio capitare di non ricevere delle notifiche o di visualizzare errori nella creazione delle stanze, che sono tra l’altro al momento limitate ad un pubblico di 5.000 spettatori.

clubhouse app

I punti di forza e le prospettive per il futuro

Quali sono le prospettive ed il potenziale di sviluppo dell’app Clubhouse? Per ora siamo solo all’inizio e gli scenari sono tutti da scoprire. Quel che possiamo dire fin da ora però è che le caratteristiche dell’intero ecosistema sono senz’altro decisamente interessanti. Avrai sicuramente notato infatti che l’interesse nei confronti dei podcast è sempre crescente e potresti immaginare Clubhouse come qualcosa di analogo: una sorta di podcast interattivo insomma.

In realtà il potenziale dell’applicazione è molto elevato. La comunicazione vocale ha infatti una marcia in più rispetto ad un classico tweet o una foto postata su Instagram. La voce ha una connotazione molto personale, è immediata ed in grado di attrarre senza sforzo l’attenzione degli utenti.

Se, nella maggior parte dei casi, messaggi e immagini appaiono piuttosto “piatti” e poco personali, l’elemento vocale introduce spontaneamente una componente di autenticità e riconoscibilità immediata.

Essendo un progetto in via di espansione a livello globale, si è ovviamente ad oggi ben lontani da una saturazione in termini di contenuti e questo può rappresentare un’ottima opportunità per fare networking, creando nuove connessioni lavorative e coltivando nuove amicizie virtuali.

Insomma, Clubhouse potrebbe non essere il solito social network che nasce e scompare in breve tempo ma destinata invece a restare sulla scena decisamente a lungo. Non a caso le sue immense opportunità sono già nel mirino di numerosi investitori che ritengono l’intero progetto di estremo interesse.

E tu? Sei già riuscito a scaricare l’app? Cosa ne pensi di questo nuovo social? Faccelo sapere nei commenti!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *